Costituito a Genova il CRAMC (Coordinamento Regionale delle Associazioni sulla Cronicità e malattie rare)

By admin02, 16 Gennaio 2019

In data 10 gennaio 2019, presso la sala Borlandi della Società ligure di Storia Patria del Palazzo Ducale di Genova, su invito del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Liguria, si è costituito il CRAMC, Coordinamento regionale delle associazioni sulla cronicità e le malattie rare, composto da un primo nucleo di associazioni.
Le Associazioni che intendono aderire al CRAMC possono inviare una mail a  cittadinanzattivaliguria@yahoo.it.
Testo del Nuovo Piano Nazionale per le Liste di attesa che vede tra i referenti del progetto il Ministero della Salute, i rappresentanti delle regioni italiane e Cittadinanzattiva:http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato5741435.pdf
Di seguito un breve resoconto della riunione del 10 gennaio 2019 .

Ufficio della Segreteria regionale

Chiavari, 14 gennaio 2019

Nasce a Genova il  Coordinamento Regionale delle Associazioni Malati  Cronici e Rari  della Liguria 

In data 10 gennaio 2019, presso la sala Borlandi della Società ligure di Storia Patria del Palazzo Ducale di Genova, su invito del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Liguria, si è costituito il CRAMC, Coordinamento regionale delle associazioni sulla cronicità e le malattie rare, composto da un primo nucleo di associazioni.

Obiettivo del Coordinamento è fare massa critica verso le istituzioni socio-sanitarie e della società civile in un confronto concreto e responsabile,  per promuovere la partecipazione alla definizione delle politiche relative alla cronicità, intervenendo con una posizione comune sulle questioni che sono trasversali alle varie associazioni.

Prima scadenza in programma è la richiesta alla Regione di partecipare alla stesura del programma regionale sulle liste di attesa, che deve essere fatto seguendo il programma nazionale a cui Cittadinanzattiva ha partecipato attivamente.

In un secondo momento si può favorire l’individuazione e la predisposizione di percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) per singole patologie particolarmente problematiche che garantiscano, snelliscano e facilitino l’itinerario di un malato cronico in tutto il suo percorso. 

Sono intervenute le seguenti Associazioni:

  • Associazione A.N.N.A.                                         assoanna@gmail.com            
  • I.F.A. Associazione Italiana Famiglie ADHD                  referente.genova2@aifa.it
  • ALFAPP Associazione Ligure Famiglie Pazienti Psichiatrici                   alfapp.genova@gmail.com         
  • Associazione LIDIA Associazione Ligure per la Lotta contro il Diabete        camogli@aslidia.it
  • Comitato RUDI-Onlus (Atassia di Friedreich)       aponchia.gofar@gmail.com
  • AISF (Fibromialgia)                                      aisfliguria@gmail.com
  • L.I. Associazione Ligure Ipoudenti            assoligure.ipoudenti@libero.it
  • M.R.I. Associazione Malattie Reumatiche Infantili      comunicazione@amri.it

Per Cittadinanzattiva Liguria erano presenti:

Rita Hervatin – Coordinatore regionale TDM (Tribunale per i diritti del malato) 

Patrizia Quarta – Segretario  amministrativo  regionale 

Mauro Santucci – Segretario regionale   

Anna Vittori – Presidente regionale   

 

Email: cittadinanzattivaliguria@yahoo.it

            Tutela.liguria@cittadinanzattiva.it

Sito web : cittadinanzattivaliguriaonlus.it

 

 

 

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi.
Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori Informazioni

Che cosa sono i cookie?

Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che può essere memorizzato sul tuo browser o sul disco fisso del tuo computer quando visiti il nostro sito web. I cookie contengono informazioni sulle tue visite al suddetto sito web.

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (prima parte), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (terze parti). Esempi notevoli sono la presenza di “embed” video o “social plugin” da servizi di social network. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da terze parti è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento.

Chiudi